evento_bs_25maggio16

 

invito-web1---Copia   Comunicato stampa PDF (download)

 

STRADIVARIUS è lieta di presentare

Incontro tra musica e scultura

DICONO DI LEI Liana e Margherita

 

Mercoledì 25 maggio 2016 ore 18.30

SpazioSculptureArt di Margherita Serra

 

Il mistero che si cela dietro le forme raffinate e seducenti dell’artista di chiara fama internazionale Margherita Serra si fa suggestione sonora grazie alle sonate dell’Opera 4 di Francesco Geminiani interpretate magistralmente dalla brillante violinista Liana Mosca e all’interpretazione di poemi brani letterari dell’attore Sergio Insonni. L’arte, nelle sue varie forme e attraverso i molti linguaggi mediante cui si esprime, è un luogo ideale” nel quale ciascuno può riacquistare confidenza con il proprio essere, imparando a riconoscere le proprie emozioni attraverso il linguaggio simbolico delle forme, dei colori e dei suoni. Nello spazio di Margherita Serra forme, figure musicali e letterali s’incontrano e in una danza suggestiva proponendo agli spettatori una coinvolgente esperienza sinestetica.

Davanti alle opere d’arte, e pensando noi stessi e la nostra vita in dialogo costante con le figure e le metafore che gli artisti ci offrono, la nostra sensibilità viene sollecitata: vengono sollecitati i sensi, viene sollecitata la sfera affettiva e ciò consente di scoprirci esseri sensibili, esseri emozionali.

Questo accade poichè la rappresentazione e l’interpretazione di questi artisti è espressiva, una rappresentazione che suscita emozioni empatiche. Il fascino dell’opera d’arte sta proprio in questo rapporto fra emozione fonte dell’opera ed emozione che dall’opera è generata e dalla quale scaturisce quel processo immaginativo che è la vera fonte di piacere della fruizione di ciò che definiamo bello.

Le sculture di Margherita Serra portatrici di una forza pulsionale che rivela ed evoca i segreti meccanismi che governano i molteplici moti dell’anima accolgono le parole che si fanno suono e carne nella performance di Sergio Insonni e nella musica barocca di Geminiani, magnificamente interpretata da Liana Mosca; una musica la cui intenzione “non risiede unicamente nel compiacere l’orecchio, ma anche nell’esprimere sentimenti, colpire l’immaginazione, influire sulla mente e comandare le passioni”.

 

L’intenzione della musica non risiede unicamente nel compiacere l’orecchio, ma anche nell’esprimere sentimenti, colpire l’immaginazione, influire sulla mente e comandare le passioni. L’arte di suonare il violino consiste nel trarre da questo strumento un suono tale da poter rivaleggiare con la più perfetta delle voci umane, nonché nell’eseguire ogni brano con precisione, proprietà e delicatezza d’espressione secondo l’autentica intenzione della musica.

Cosi Geminiani apre la prefazione del suo trattato L’arte di suonare il violino del 175; nasce così per gli interpreti l’esigenza di cercare un suono dalla natura profonda, servendosi dello strumento come mezzo per proiettare la propria essenza nella vibrazione sonora ed arrivare anche a toccare la sensibilità dell’ascoltatore.

Nell’intera Op. 4 Geminiani ci propone una scrittura a tratti frammentaria dove i singoli movimenti sono come visioni e cambi di umore, che passano velocemente dalla genialità alla convenzione, dalla furia alla malinconia, dalla profondità alla leggerezza, dalla forza alla dolcezza.

Liana Mosca, Antonio Mosca, Luca Pianca e Giorgio Paronuzzi rendono per la prima volta interamente disponibile agli appassionati di musica barocca una delle due raccolte che Geminiani, vale a dire uno dei maggiori violinisti del diciottesimo secolo, ha dedicato al proprio strumento.

 

 

Saranno presenti:

Sergio Isonni   attore

Liana Mosca violinista

Antonio Mosca violinista

Margherita Serra scultrice

 

Coordinate evento:

Titolo: Dicono di Lei Liana e Margherita

Sede: SpazioSculptureArt di Margherita Serra, via Boves 38/40 Brescia

Data: mercoledì 25 maggio 2016

Orario: dalle ore 18.30

Ingresso Libero